CONTATTACI
Menu
CONTATTACI
SUMMER ONLINE

Stay at Home with Speak Teens | # 26 - Crime

by The Speak Teens Team, on 15/05/20 13.32

Giallo, policiàl, policier, krimi, crime sono gli aggettivi che nelle principali lingue europee identificano (con leggere sfumature) il genere artistico incentrato sulla descrizione di un crimine e dei personaggi che ruotano intorno ad esso. La prima forma di questo genere è stata quella letteraria, sviluppatasi a metà Ottocento grazie ad importanti autori come Edgar Allan Poe e Arthur Conan Doyle, poi Agatha Christie e l'esplosione dei Crime Films. Oggi il genere crime viene coinvolto praticamente in qualsiasi media: oltre a film e romanzi troviamo anche fumetti, videogiochi, serie tv e anime.

Il tema del giorno: Crime

Speak-Teens-Stay-at-Home-26-Cover-Blog

 

Short of the Day: Who is Sherlock Holmes?

Quando parliamo di crimini, ci viene subito in mente il più celebre personaggio letterario mai creato nel campo dell’investigazione. Stiamo parlando di Sherlock Holmes, figura nata dalla penna di Arthur Conan Doyle nel XIX secolo e che ha segnato il genere letterario del giallo deduttivo, ispirazione per molti dei successivi personaggi detective nelle opere di fantasia, non solo nell’ambito della narrativa. Il video che oggi proponiamo ripercorre l’evoluzione di questo controverso detective.

Guarda attentamente il video e cerca di rispondere alle domande che seguono:

  

Question 1: When did the first story about Sherlock Holmes appear?

Question 2: What are the iconic accessories that Sherlock Holmes wears?

Question 3: Who is Doctor Watson?

Question 4: Who coined the phrase “Elementary, my dear Watson”?

Question 5: Why is Sherlock Holmes considered a palimpsest?

 

Song of the Day: Pumped Up Kicks – Foster The People

Il brano che abbiamo selezionato oggi per il tema “crime” è Pumped Up Kicks del gruppo statunitense Foster The People. La canzone in sé ha un flow indie rock divertente e rilassante, ma il testo racchiude in realtà una critica non troppo velata alla diffusione della violenza tra i più giovani. Sebbene la canzone racconti di Robert, che vuole sfogare la sua rabbia repressa sul padre dopo aver trovato la sua pistola, Foster ci tende a sottolineare che il messaggio è l’esatto opposto: comunicare senza adoperare la violenza come unica arma.

 

Ascolta la canzone di oggi, leggi attentamente il testo e successivamente alle domande di seguito.

Question 1: Can you list the actions Robert is doing in his room?

Question 2: What does he look like with “a rolled cigarette hanging out his month”?

Question 3: What will Robert’s dad give to him when he is back home from work?

Question 4: Robert is carrying a weapon he stole from his father’s wardrobe. Do you think this is responsible behaviour?

Question 5: What are your thoughts about crime and violence?

 

Photo of the Day: Do not Cross Police Lines

Il fascino del genere giallo appassiona un po’ tutti quanti; saranno le trame intricate, il mistero degli avvenimenti, la suspence fino all’ultimo secondo. Non si tratta solo di romanzi gialli, ma sembrerebbe proprio che il pubblico sia particolarmente propenso ad interessarsi maggiormente ai documentari così detti true crime, trasmessi particolarmente da canali nordamericani. Vicende realmente accadute che possono tenervi incollati allo schermo per molto tempo. Oltre ai numerosi racconti intriganti questi tipi di programmi, se visualizzati in lingua originale, vi permettono di ampliare il vostro vocabolario inglese.

Do not cross police line

Vediamone alcuni insieme …

  • Burglary – furto con scasso
  • Murder – uccidere qualcuno di proposito
  • Robbery - rapina
  • Theft – furto (in generale)
  • Suspect – il sospettato
  • Fingerprints - impronte digitali
  • Witness - testimone
  • Handcuffs - manette
  • Judge - giudice
  • Defense attorney (USA) / Defence lawyer (UK) – avvocato difensore

Language Focus: To + infinitive vs -ing

Uno degli aspetti più complicati che uno studente può incontrare nelle costruzioni della lingua inglese è decidere se usare particolari forme verbali all’infinito (to + inf) o al gerundio (-ing). Quando utilizziamo in una frase due verbi, uno dopo l’altro, il secondo verbo prende una di queste due forme e dipende da diversi fattori.

Quest’aspetto fa parte di una discussione molto più ampia ma esiste un piccolo trucco che ti aiuterà a rendere tutto un po’ più chiaro.

Prima di tutto, prova a completare le frasi seguenti, lasciati guidare dal tuo istinto e dopo discutiamo insieme le risposte. Usa i verbi tra parentesi e adattali alla forma to + inf o -ing. Nella prima frase, il verbo steal (rubare) potrebbe, quindi, diventare sia to steal che stealing.

  • The man denied _______ the money (steal)
  • The man admitted _____________ the policeman (hit)
  • The man promises ______________ good in the future (be)
  • The man hopes ______________ prison soon (leave)

Bene, quali pensi possano essere le risposte? Hai notato qualcosa dalle tue risposte? Ti sei fatto aiutare dal tuo istinto?

Le risposte corrette sono:

  • The man denied stealing the money
    L'uomo ha negato di aver rubato i soldi
  • The man admitted hitting the policeman
    L'uomo ha ammesso di aver picchiato il poliziotto
  • The man promises to be good in the future
    L'uomo promette di essere buono in futuro
  • The man hopes to leave prison soon
    L'uomo spera di lasciare presto la prigione

Qui notiamo qualcosa di molto importante quanto cerchiamo di capire che tipo di forma verbale usare.

Concentriamoci sul senso del primo verbo in ogni frase (deny, admit, promise, hope), a cosa si riferiscono questi verbi? Si riferiscono ad un periodo di tempo futuro o passato? Quando neghiamo qualcosa, lo facciamo riferendoci a qualcosa che è già successo o che deve ancora accadere? E quando speriamo?

Nota bene – Non importa in che tempo verbale troviamo il primo verbo, come nell’esempio deny/denied. Neghiamo qualcosa che è accaduto prima del momento in cui ne stiamo parlando.

Questo è uno dei segreti che ti aiuteranno a guidarti nella scelta tra to + inf e -ing, trucco che potrai usare per i verbi che indicano una situazione passata o futura. Di conseguenza, possiamo seguire questo semplice metodo (attenzione, non una regola, non funziona sempre):

  • Spesso, quando il primo verbo si riferisce ad una situazione passata, usiamo: ing per il secondo verbo
  • Invece, quando il primo verbo si riferisce ad una situazione futura, spesso utilizziamo: to + inf per il secondo verbo

Un buon modo per ricordare questo trucco è prendere come esempio proprio il verbo remember. Osserva queste due frasi:

  • I remember meeting you (ricordo adesso quell’evento passato – meeting you)
  • Remember to post the letter (ricordo ora, o dopo, di spedire la lettera – in the future)

Come già anticipato, questa non è una regola valida per tutti i verbi e quest’area della lingua inglese è complicata, ma è comunque un ottimo punto di partenza e potrà tornarti utile per capire meglio quale forma utilizzare!

Non perdere il tuo smalto!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua pure ad allenarti con i nostri contenuti dedicati alla pratica linguistica. Oltre alla rubrica Stay at Home, con episodi dedicati a una marea di altri temi, sul nostro blog pubblichiamo periodicamente articoli dedicati a videogiochi o a cronache e riflessioni sugli eventi più interessanti del momento.

Topics:Language learningVocabularySpeak Tipsenglish learninglisteningvideomusicstay at homephotos

Comments

More...

Iscriviti al blog!