CONTATTACI
Menu
CONTATTACI
SUMMER ONLINE

SPEAK TEENS | Monthly Update: June

by Madalina Sandu, on 28/06/19 10.23

Se fino a qualche settimana fa l’estate sembrava troppo lontana ecco che un po’ tutti ci siamo dovuti ricredere. Giugno è arrivato, con la sua heatwave, i summer vibes, e le vacanze da pianificare. Per noi di Speak e per i nostri learners e anglos giugno è ancor più ricco e importante. E’ il mese che inaugura un’estate all’insegna dell’inglese con il nostro primo Speak Teens Summer Camp dell’anno. Noi siamo più carichi che mai e felicissimi di accogliere i nostri ragazzi al magico Rifugio Sores in Trentino, sede del nostro English Adventure Camp!

Ma nel frattempo, per liberare la mente e allo stesso tempo rimanere rigorosamente a contatto con il mondo anglofono vi proponiamo, come ogni fine mese, notizie fresche ed interessanti che ci sono pervenute dal web nelle ultime settimane.

Father’s day (USA)

E’ un dato di fatto che gli statunitensi facciano le cose in grande e una rico rrenza che amano particolarmente (tra le tante) è la festa del papà! D'altronde come biasimarli? I nord americani festeggiano i propri papà ogni terza domenica di giugno e adorano preparare cards strappalacrime da consegnare assieme a regali che ,bambini e adulti, si divertono ad ideare per il proprio “old man” ( negli USA amano chiamare così il proprio papà). E come durante ogni altra festività i millenials statunitensi non potevano tagliar fuori anche in questo caso i social! Instagram e soprattutto Twitter si riempiono di foto, post accompagnati da lunghe dediche o stories che riprendono i papà nei momenti più toccanti, importanti e a volte divertenti. Particolarmente commovente è il twitt che Chris Evans, noto per il ruolo di Captain America nei film della Marvel, ha dedicato a suo padre:

Come da tradizione, durante questa giornata i figli sono soliti organizzare una giornata intera con i loro padri; c’è chi preferisce andare a pesca, chi siede in prima fila ad una partita dei Lakers, o chi prepara un tranquillo pic-nic in riva al lago.Tutti sono fieri ed orgogliosi dei propri padri e cercano di dimostrarlo in tutti i modi.

 Per celebrare questa simpatica ricorrenza il noto presentatore Jimmy Kimmel propone al pubblico del suo talk show serale un divertente test in giro per le strade di Los Angeles. Alcuni impavidi papà vengono sottoposti a domande apparentemente scontate e banali sui loro figli alle quali dovrebbero saper rispondere con prontezza. Contrariamente però alcuni di loro non si ritrovano perfettamente preparati in materia scatenando l’incredulità e l’imbarazzo dei propri ragazzi.  

 

Un idioma

In ogni Monthly Update da noi proposto non può mancare l’idioma del mese, e giugno ne propone uno alquanto bizzarro ma comunemente utilizzato nei paesi anglofoni.Un’espressione solitamente indirizzata a coloro che proprio non riescono a prendere una decisione e cambiano continuamente idea in ogni situazione.

“Maybees don’t fly in June” usano dire gli inglesi lasciando intendere che troppa indecisione non va bene! Particolare attenzione richiede di fatti il termine maybees che è il connubio tra maybe (forse) e bees (api). Fate attenzione perché troppi forse non “volano” a Giugno, e un’espressione che vi potreste sentir dire può essere: “Try to make up your mind, maybees don’t fly in June!”

Toy Story 4

Per gli amanti incalliti dell’animazione giugno è un mese attesissimo! Continuano le avventure di Woody, protagonista di Toy Story, che quest’anno si ritroverà ad affrontare nuove avventure ed incontri speciali. Di fatti, se si pensava che Toy Story 3 avesse chiuso il cerchio, la Pixar non ha di certo potuto ignorare gli enormi incassi dei film precedenti. Il pubblico non vuole proprio abbandonare la combriccola di Woody che riappare con la sua carica ed energia sui grandi schermi italiani il 26 del mese!

E proprio in occasione del 23° anniversario dell’omonimo film, vediamo alcune curiosità che ci sono dietro il grande successo di Toy Story!  E’ stato il primo film interamente realizzato in computer grafica nella storia cinematografica e prima vera e propria collaborazione Pixar, inizialmente si sarebbe dovuto intitolare “You are a toy”! Non di rado, inoltre, il numero 95 appare in alcuni del film Pixar (in Cars ad esempio dove il 95 è il numero di Saetta McQueen) questo per omaggiare l’anno di uscita del primo Toy Story, per l’appunto 1995.

Nella versione originale i doppiatori storici sono Tom Hanks (Woody) e Tim Allen (Buzz); incredibilmente i due non si sono mai incontrati di persona durante le sedute di doppiaggio. E, proprio Tom Hanks, concede una strabiliante intervista per la BBC Radio durante la quale spiega quanto Woody sia orma diventato parte integrante di sé.

 

Accents monthly update

In Trentino è già stato dato il via al primo Summer Camp e i nostri learners sono già a stretto contatto con le anglo guides provenienti da tutto il mondo! Una delle prime difficoltà che i nostri ragazzi riscontrano durante gli one to ones  è l’accento degli anglos. Sia che provengano dagli States o dal Canada, ma anche Inghilterra o Irlanda l’accento è alle volte un impedimento ma anche uno stimolo in più per imparare. Ed ecco perché in questo, ed in altri monthly, andremo a vedere più nel dettaglio alcuni dei più curiosi e alle volte difficili accenti in giro per i paesi anglofoni.

Il nostro “viaggio” inizia non di meno che negli Stai Uniti dove si riscontrano una miriade di accenti diversi. Sicuramente avrete avuto l’opportunità di ascoltarne alcuni guardando le serie tv che più vi piacciono. Netflix propone diverse opzioni nel caso vi vogliate focalizzare su un accento in particolare; ad esempio, un piccolo suggerimento per coloro che amano la “parlata” newyorkese: l’omonima serie How I met your mother, interamente girata a Manhattan, è quello che ci vuole per voi!

manhattan

Gli accenti statunitensi non solo cambiano da stato a stato bensì anche all’interno dello stato stesso! Ad esempio, un tipico southern accent è quello del Texas. Quando si cerca di immaginare l’accento di questo stato non può non venire in mente il tipico cowboy in sella al suo fedele cavallo. Ciò è giustificato, ma il Texas di certo non è solo questo. Distinguiamo infatti diversi tipi di cadenze tra le quali: il Vernacular ( inglese afroamericano) il Tejano ( influenzato dallo spagnolo) e il Cajun, solitamente parlato nell’estremo sud dello stato.

Giusto per chiarire le idee vi proponiamo un video dove un gruppo di persone provenienti da ogni parte degli USA cerca di dare un’idea più chiara riguardo i diversi accenti nei loro Stati!

Nel 

 

Nel frattempo, i learners del nostro primo English Adventure Camp stanno già sperimentando "in campo" gran parte degli accenti anglofoni grazie alla presenza delle nostre anglo guides e dei Camp Leaders madrelingua. Loro si assicureranno che l'esperienza dei ragazzi sia coinvolgente ed efficace allo stesso tempo al fine di rendere la loro estate all'insegna di Speak indimenticabile!

Topics:speak teens summer campteenssummerjuneFather's DayToy StoryMonthly Update

Comments

More...

Iscriviti al blog!